Copy
View this email in your browser

Care e Cari,
In Europa e in Italia la sinistra è impegnata a proporre un quantitative easing of the people, che accanto al QE messo a disposizione dalla BCE e diretto alle banche e all'acquisto di bond aziendali, vada a incidere con mezzi monetari a disposizione di piccole opere pubbliche socialmente utili per contrastare la crisi, creare occupazione e generare una reale redistribuzione dei redditi.

A Torino invece la sinistra, che si autodefinisce autentica, si preoccupa di ridurre il debito: gli argomenti del rigore e dell'austerity sono stati sempre criticati da sinistra perché non solo non cambiano i rapporti di forza sociali ma li peggiorano a svantaggio delle classi più disagiate.
Sul debito di Torino si deve ribadire che esso si è costituito proprio come rimedio espansivo alla crisi della città, per dotarla di infrastrutture di interesse pubblico e per sostenere le sue nuove vocazioni dalla cultura all'innovazione.
In questi cinque anni il debito è sceso di 500 milioni e i derivati dimezzati: non è accaduto per caso.


Assai strumentale nei confronti delle donne appare poi il messaggio del candidato Sindaco Airaudo secondo cui sarebbe in ticket con una candidata Sindaca: e' una trovata di pura propaganda poiché la legge elettorale prevede una sola candidatura e l'elezione di un solo candidato/a.
Del resto come donna ho trovato sminuente l'idea di far partecipare le donne alla costruzione del programma attraverso un sorteggio: noi femministe crediamo alla pratica politica delle relazioni e non alla fatalità.

Ma il mondo bello e tremendo che abbiamo ci racconta tante storie, tra queste quella della lobby americana delle armi che ha riscritto le favole a mano armata: tra le altre Cappuccetto rosso e la nonnina con la lupara (non a caso).
Leggi l'articolo >> Date un mitra a Biancaneve". Ecco le favole a mano armata



Intanto a Torino, procede il lavoro politico di Progetto Torino: bella e appassionata riunione in sotterranea martedì scorso con candidate/i e sostenitori.

Illuminare i luoghi che raccontano Torino, dare voce alle esperienze di innovazione sociale e culturale e trasformarle in politiche: questa sarà l'impostazione della mia campagna elettorale come candidata di Progetto Torino.


Alcune buone notizie di questa settimana:

Le bimbe e bimbi delle mamme detenute frequenteranno il nido e la scuola dell'infanzia comunale. Grazie all'accordo che abbiamo stretto con la Direzione del carcere e la Garante dei detenuti è previsto anche un percorso rivolto a tutte e tutti genitori della casa circondariale per sostenere la "genitorialita' detenuta" e renderla una progettualità rieducativa verso il futuro.
Leggi il COMUNICATO STAMPA
Leggi il PROTOCOLLO D’INTESA
Leggi gli articoli >> I bambini delle madri detenute inseriti nei nidi e nelle materne cittadini
Torino, figli di madri in carcere frequenteranno scuole città


Edilizia Scolastica: martedì in Giunta abbiamo approvato con delibera i lavori nella Scuola Nigra per 600.000 euro e quelli nella Scuola Pellico per 900.000 euro finanziati con mutui BEI. Approvata anche la Convenzione con la Fondazione Agnelli e la Compagnia di San Paolo per la ristrutturazione della Scuola Fermi.
Leggi gli articoli >> Lavori nelle scuole Pellico e Nigra
Scuole Pellico e Nigra, al via i lavori di manutenzione straordinaria
Leggi il COMUNICATO STAMPA >> Torino fa scuola

Scuola dei Compiti: RAI 3 al Liceo Giordano Bruno: la trasmissione con ripresa dei laboratori di didattica digitale e mia intervista sarà mandata in onda nella settimana del 4 aprile. Grande soddisfazione per i risultati ottenuti e raccontati dalle testimonianze delle/gli studenti: studenti universitari, insegnanti in pensione, insegnanti delle Scuole, Università e Politecnico, didattica digitale: un progetto intergenerazionale e di comunità per garantire pari opportunità nel successo scolastico e motivare allo studio.



Intanto è iniziata la Scuola dei Compiti al Ferrante Aporti per l'insegnamento dell'italiano ai ragazzi stranieri detenuti nell'istituto minorile, sempre ad opera degli studenti universitari compensati con borse di studio.

Anche il progetto "Le mie lingue, le mie culture" è partito nelle scuole primarie con più alta densità di alunni torinesi non italiani con letture in lingue e dialetti originali arabi, albanesi, africani e persiani con studenti universitari internazionali madrelingua: perché la diversità culturale sia una ricchezza per tutte/i e uno strumento di pace.



Leggi l'articolo >> 
Nelle scuole elementari laboratori per scoprire lingue e culture

Il Politecnico si piazza con Architettura tra le 50 migliori Università al mondo secondo la classifica di QS, ente di valutazione della reputazione accademica internazionale.
Leggi l'articolo >> Il Politecnico tra le 50 migliori Università al Mondo

NEET: identità e differenze il 30 aprile alle ore 10.30 al Circolo dei lettori: una riflessione per proseguire il Piano Adolescenti della Città dedicando progettualità e azioni a questa vera e propria emergenza che in Italia si salda a quella della più bassa popolazione under 30 d'Europa.



Leggi il COMUNICATO STAMPA >>
Un seminario sul fenomeno dei NEET: chi sono davvero e come possiamo agire



MANGIARE A SCUOLA: se ne parlerà il 1 aprile dalle h.9 presso l'Auditorium della Città Metropolitana: educazione alimentari, politiche sostenibili per il cibo e consumo consapevole: siamo stati invitare a presentare il nostro capitolato d'appalto sul servizio di ristorazione scolastico, diventato una best practice a livello nazionale e vincitore di bandi europei sul public procurement.



Presenteremo anche il nostro progetto di partecipato di educazione alimentare il Menù l'ho fatto io.


LIBERTÀ FEMMINILE ED EDUCAZIONE, tra sessismo e razzismo: a partire dai fatti di Colonia e dalla volontà politica per un'educazione al rispetto reciproco tra donna e uomo e accogliente nei confronti delle differenze.



Se ne discute il 4 aprile dalle ore 14 al Circolo dei Lettori
"CULTURE, EDUCAZIONE E LIBERTÀ FEMMINILE - Pregiudizi tra sessismo e razzismo"
Leggi il PROGRAMMA completo sul ciclo di incontri