Copy
Cari amici,
ben ritrovati per un nuovo appuntamento con la musica e, questa volta, con il teatro.
Tra pochi giorni daremo il nostro saluto alla primavera  accompagnando con il canto  un testo ispirato all’amore, liberamente tratto dall’opera di Shakespeare “Romeo e Giulietta” e portato in scena dalla compagnia “Orme nel vento” , il gruppo teatrale dell’Associazione “Estuario”.
Compatibilmente con i vostri impegni, saremmo felici di condividere con voi questa serata.
Grazie e… alla prossima!
MUSICI NEWS # 7
 
“Ah, Giulietta, se la misura della tua gioia è colma come la mia,
ma con più arte di me sai esprimerla a parole,
allora rendi dolce col tuo fiato l'aria che ci circonda,
e lascia che la tua lingua, ricca di musica,
sveli quale felicità fantastica riceviamo l'uno dall'altro in questo caro incontro.” 

                                         William Shakespeare, “Romeo e Giulietta”
View this email in your browser
Compagnia teatrale “Orme nel vento”  - coro “I Musici Cantori”
presentano
“Cuori in gabbia”
Teatro “G. Cona”  di Gardolo,
venerdì 31 marzo ore 20.30
Ingresso libero

 
Nel panorama degli impegni musicali a carattere sociale, l’appuntamento con   “Estuario”  rappresenta  per i  “Musici cantori”  un momento familiare,  un’occasione speciale che consente non solo di rivedere volti  incontrati  nell’ambito di  precedenti rappresentazioni o concerti a favore dell’Associazione,  ma anche di mantenere un contatto con la stessa,  in un ottica di scambio reciproco, favorendo, in questo caso, il dialogo tra musica e teatro.
Lo spettacolo del 31 marzo rappresenta  una tappa doppiamente interessante nel percorso artistico del coro.
Da una parte,  stimola a lasciarsi sorprendere da un tipo di recitazione naturale, vivace ma nel contempo discreta, che permette agli attori-utenti di trasmettere in primo luogo se stessi attraverso i movimenti, le parole e – perché no? – anche quelle piccole incertezze o esitazioni che li rendono più simpatici e soprattutto più veri.

La posizione privilegiata del coro, sul palco per l’intera durata dello spettacolo,  consente a chi canta di sentirsi parte della scena ed empaticamente più vicino agli attori, condividendone, appunto, anche gli stati d’animo.
Il fatto, poi, di poterci confrontare con un’opera di Shakespeare, pur trattandosi di un adattamento ridotto nei tempi e adeguato al contesto,  ci incuriosisce e ci coinvolge maggiormente.
A tessere un legame tra parola e musica, l’amore, sentimento senza il quale, per  il drammaturgo, nulla vale la pena: “Allora felice io, che amo e sono riamato da chi non posso lasciare, né essere lasciato.” (Shakespeare, Sonetto XXV). L’amore con le sue sfumature e suoi contrasti, come la passione profonda ma proibita che caratterizza il capolavoro a noi tutti noto e che sfocia in un tragico epilogo, il  dramma che ha reso immortale  la storia dei giovani amanti di Verona.
Parola e musica, dunque, a tessere questo intreccio amoroso in un’alternanza di brani a tema che spaziano dal Cinquecento ad oggi.
Consapevoli dell’impegno e dell’entusiasmo che costituiscono il fondamento della sperimentazione artistica di “Orme nel vento”, auguriamo alla compagnia e alla regista Ilaria Andaloro di proseguire con passione l’attività del laboratorio teatrale.
Da parte nostra, siamo grati di poter collaborare ancora una volta  con “Estuario”, sostenendo l’associazione nella sua“mission”, volta a garantire un’attenzione costante e responsabile  ai propri fruitori e a mantenere un importante ruolo di riferimento per gli stessi, fornendo, nel contempo,  un prezioso supporto anche alle loro famiglie.
 
Daniela
 

LOCANDINA DELL'EVENTO
 

Il testo drammaturgico al quale abbiamo deciso di fare riferimento, è la celebre tragedia di William Shakespeare Romeo e Giulietta. Il nostro riadattamento dell’opera, che abbiamo voluto intitolare Cuori in gabbia, cercherà di mettere in evidenza la centralità del sentimento amoroso, analizzato nelle sue varie sfaccettature, in quelle più solari ma anche in quelle più umbratili: l’amore corrisposto, l’amore negato, l’amore ferito, l’amore rincorso, l’amore ostacolato da una sorte spesso avversa ai protagonisti della vicenda narrativa. Questi ultimi appaiono di fatto come intrappolati all’interno di situazioni emotive complicate, i loro cuori restano così metaforicamente ingabbiati e incapaci di vivere appieno le emozioni che la vita sa donare. Resta tuttavia forte la speranza nella positività e nel potere dell’amore medesimo, che è qui rappresentato dalla delicatezza, dalla dolcezza ma anche dalla fragilità di Giulietta, così come resta forte la consapevolezza che l’arte sia uno strumento di trasformazione della realtà, qui rappresentata dalla figura di Mercuzio, il fool per eccellenza, simbolo della libertà creativa, espressiva ed emotiva alla quale tutti vorremmo tendere.
Come negli altri spettacoli, anche in quest’ultimo gli interpreti avranno la possibilità di scrivere personalmente le loro battute, che verranno alternate a brani originali tratti dal testo del drammaturgo inglese. Tale modalità operativa risulta molto funzionale poiché permette, attraverso il metodo della cosiddetta scrittura autobiografica/emotiva, di attingere direttamente al proprio vissuto.La caratteristica principale di questo evento è il connubio tra teatro e musica: due diverse forme di espressione artistica che si mescolano in uno spettacolo, unendo il gruppo teatrale Orme nel vento di Estuario con il coro Musici Cantori, attraverso una collaborazione che punta a congiungere la musica dal vivo e la scena teatrale in una nuova sinergia.
L’iniziativa è realizzata con il contributo della Fondazione Caritro, che chiede anche delle collaborazioni sempre nuove con realtà del territorio (es. coinvolgimento della Filodrammatica locale).
Compagnia “Orme nel vento”

ESTUARIO E  LA COMPAGNIA “ORME NEL VENTO”

“Estuario”,  associazione Onlus Trento sorta nel 1990 per il sostegno e il mutuo aiuto nel disagio psichico,  propone alle persone con disagio e alle loro famiglie l’occasione di superare le situazioni di emarginazione e di vivere la propria esistenza con maggiore dignità e consapevolezza.
 Dal 2010, all’interno della propria attività di socializzazione strutturata, l’Associazione ha costituito un laboratorio teatrale. Inizialmente il gruppo si era formato forse sull’onda, come è normale che sia, di una certa curiosità nei confronti dello stesso teatro, ma nel tempo sono rimaste le persone realmente interessate a questa disciplina artistica, che hanno dimostrato molta costanza ed un interesse crescente verso la pratica teatrale. Il gruppo teatrale “Orme nel vento”,  è un gruppo integrato, formato sia da utenti sia da volontari dell’Associazione Estuario, persone di età differenti e di diversa provenienza culturale e sociale. Oltre ad un proprio educatore, Laura Groff, con funzioni organizzative, l’Associazione si avvale di un educatore teatrale con funzioni di ideatore, regista, drammaturgo, Ilaria Andaloro.

A decorrere dal 2014, grazie al contributo della Fondazione Caritro, è stato possibile realizzare rappresentazioni e dimostrazioni di lavoro alla cittadinanza e ad altre realtà di volontariato culturale e sociale. Tra questi eventi emerge l’organizzazione di una rassegna di teatro sociale intitolata “Riflessi di sogno” giunta ormai alle 3^ edizione… Ho aperto una  finestra sul sogno. Ne è entrata aria buona, nuovo ossigeno. Ho respirato. Ho capito che nei sogni non ci sono barriere…siamo tutti uguali. E così sul palcoscenico, che trasforma la mia paura in coraggio, la mia unicità in forza, il mio silenzio in presenza. Anch’io ho qualcosa da raccontare…guardami…non sono invisibile. Sono uguale a te perché, proprio come te, ho bisogno di sognare.
 Il teatro sociale, che si prefigge proprio di trasformare la fragilità del cosiddetto attore sociale in una voce forte, da ascoltare, in un valore, da condividere, e non in un’etichetta o in uno stigma, permettendo anche a coloro che vivono condizioni particolari di emarginazione di riacquisire, per così dire, un proprio diritto di cittadinanza, una possibilità di inclusione sociale, raccontando la propria storia, rendendola pubblica nella speranza di sensibilizzare chi vorrà comprenderla e di provare ad abbattere qualche pregiudizio.

                                                                                                                 Associazione “Estuario”

Stiamo selezionando nuovi coristi per le sezioni maschili: tenori e bassi.
Se il canto è la tua passione e vuoi unirti ad un gruppo di amici che condividono la tuo stesso interesse; se cerchi un laboratorio nel quale affinare le tue capacità vocali o acquisirne di nuove; per queste o altre ragioni che tu vorrai trovare, non esitare. Contattaci per un audizione: saremo lieti di accoglierti nel nostro gruppo.

Copyright © 2017 Associazione Corale I MUSICI CANTORI, All rights reserved.


Vuoi modificare il modo di ricevere questa newsletter ?
Puoi aggiornare i tuoi dati o cancellarti dalla newsletter

Email Marketing Powered by Mailchimp